Decalcificazione e Debatterizzazione dell’acqua

L’utilizzo del campo elettromagnetico naturale terrestre
Quantum: una innovativa tecnologia per il trattamento dell’acqua
ad alta sostenibilità ambientale.

Il calcare ha una struttura cristallina aggregante responsabile di danni agli impianti termoidraulici
ed è anche l’habitat ideale per le colonie batteriche.
Quantum riorganizza le molecole dell’acqua sotto un profilo oscillatorio inducendo la
trasformazione fisica del carbonato di calcio da Calcare in Aragonite non aggregante.

SE SI VUOLE TROVARE I SEGRETI DELL’UNIVERSO, BISOGNA PENSARE
IN TERMINI DI ENERGIA, FREQUENZA E VIBRAZIONI

(Nikola Tesla)
img-living16

RISOLUTIVI PER NATURA
+ Purezza – Costi = AQUA

  • Hai l’acqua dura.
  • Hai forte presenza di calcare nell’impianto idraulico.
  • I tuoi consumi di gas ed energia elettrica per riscaldare l’acqua continuano ad aumentare.
  • I tuoi impianti termoidraulici sono peggiorati in efficienza.
  • In azienda vedi calare la produttività a causa della minore efficienza di serpentine, pompe di calore e impianti di condizionamento ambientale.
  • Hai dovuto installare un addolcitore ma hai aggiunto ulteriori costi per il contratto di manutenzione e i prodotti di consumo.
  • Hai perdite e rotture frequenti nelle tubazioni causate da corrosione.
  • Scopri come trattare l’acqua nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale.
  • Scopri come eliminare definitivamente il calcare senza utilizzare alcun prodotto chimico.
  • Scopri come sostituire l’addolcitore con un dispositivo che non ha bisogno di manutenzione.
  • Scopri come risparmiare riducendo i consumi di materie prime e i tempi di manutenzione degli impianti.
  • Scopri come recuperare gli impianti e le attrezzature alla loro piena efficienza senza alcun intervento sugli stessi.
  • Scopri come eliminare le colonie batteriche come la legionella senza alcun trattamento di sanificazione.
  • Eliminazione definitiva delle incrostazioni di calcare e delle colonie batteriche dagli impianti termoidraulici.
  • Vi garantiamo una considerevole riduzione sui consumi di prodotti detergenti, di energia elettrica e gas, sui tempi e costi di manutenzione impianti e attrezzature.
  • I vostri impianti, le attrezzature termiche e gli elettrodomestici recupereranno la loro piena efficienza e affidabilità.
  • Dispositivi indipendenti dal numero di utenti e dal consumo dell’acqua.
  • Indipendenti dalla durezza dell’acqua.
  • Installazione con impianti in piena attività.
  • Installazione ovunque, non serve che siano vicini alle tubazioni.
  • I dispositivi non hanno bisogno di alimentazione elettrica.
  • I dispositivi sono molto piccoli, della dimensione massima di un libro tascabile.
Sistemi per strutture residenziali, aziende produttive commerciali e agricole, SPA e centri benessere, hospitality, RSA, piscine e impianti sportivi

Ci apprezzano perché:

Garantiamo sostenibilità ambientale ed economia circolare nel trattamento dell’acqua, attraverso:
  • l’eliminazione definitiva delle incrostazioni di calcare negli impianti idraulici e nei serbatoi senza utilizzare alcun prodotto chimico;
  • una forte riduzione delle colonie batteriche presenti negli impianti idraulici;
  • una riduzione drastica dell’inquinamento legato ai trattamenti chimici dell’acqua, propri delle tecnologie tradizionali;
  • una considerevole riduzione e risparmio sui consumi di prodotti per la pulizia, energia elettrica, gas, sui tempi e i costi di manutenzione di impianti e attrezzature;
  • i nostri dispositivi non hanno alcun consumo di energia e presenza di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici;
  • Il trattamento dell’acqua è indipendente dal numero di utilizzatori e dalla portata richiesta;
  • il trattamento è indipendente dalla durezza dell’acqua;
  • si mantengono inalterate le caratteristiche chimiche e organolettiche dell’acqua, simile a quella di fonte. La concentrazione di sali minerali come il Calcio e il Magnesio, essenziali per la salute dell’uomo, resta invariata;
  • I nostri dispositivi possono essere installati distanti dall’impianto idraulico, senza alcun fermo dello stesso.

Approfondisci meglio
questo argomento.

Si, voglio contattarti.

In più ci distinguiamo perché siamo:

icon no EE campiEM:

UNICI

a trattare l’acqua senza alcun consumo di energia e senza generare campi elettrici, magnetici o elettromagnetici.

icon sostenibilita:

UNICI

a trattare l’acqua con soluzioni fortemente innovative a elevata sostenibilità economica ed ambientale, attente al benessere biofisico dell’uomo e dell’ambiente

icon frutta:

UNICI

a trattare l’acqua con soluzioni che favoriscono il miglioramento della crescita di frutta e vegetali e della loro resistenza antiparassitaria e anticrittogamica.

icon Campo EM terra:

UNICI

ad armonizzare completamente tutti gli effetti dei campi elettromagnetici e delle perturbazioni geopatiche.

  • Specialisti in sistemi di trattamento dell’acqua che eliminano definitivamente calcare e cariche batteriche senza l’utilizzo di energia e di prodotti chimici.
  • Specialisti in soluzioni fortemente innovative a elevata sostenibilità economica e ambientale, attente al benessere della persona.
ebook next ita

Acqua, calcare e colonie batteriche

EBOOK NEXT

Purificare l’acqua è sostenibile?

Sistemi Quantum AQUA

Cosa sono i dispositivi AQUA?
Sono apparecchi che eliminano definitivamente il calcare dall’acqua e riducono in modo significativo la presenza di batteri e biofilm.
Cosa utilizzano i dispositivi AQUA per funzionare?
I dispositivi AQUA integrano una tecnologia denominata Quantum che utilizza il campo elettromagnetico naturale chiamato Modi o Risonanza di Schumann, presente ovunque sulla superficie terrestre.

earth wave

Il campo elettromagnetico naturale è composto da tre elementi: la componente elettrica e la componente magnetica, che trasportano energia, e la fase che permette il trasporto di informazione.

I dispositivi AQUA trasportano onde (tecnicamente dette potenziali) di fase e informazione, non campi elettromagnetici, di conseguenza non c’è alcuna trasmissione di energia.
Per questa ragione non emettono alcuna radiazione e non hanno bisogno di essere alimentati elettricamente.

Quali sono i benefici dei dispositivi AQUA?
I dispositivi AQUA producono nell’acqua innumerevoli benefici e vantaggi:

  • Eliminazione definitiva del calcare che riduce i meccanismi di adesione dei batteri (diversi ceppi di legionella, di pseudomonas e altre specie microbiologiche come salmonella, escherichiacoli, coliformi, colifecali, ecc.) eliminando quindi il biofilm dalle tubazioni.
  • In alcune circostanze, grazie a un processo elettrochimico di riduzione dell’ossido di ferro contenuto nelle tubazioni, le acque pigmentate ridiventano limpide e cristalline.
  • Riduzione della tensione superficiale dell’acqua che permette una drastica diminuzione nel consumo dei detersivi.
  • Aumento della ionizzazione negativa dell’aria; è noto che questo aiuta a creare un ambiente più salubre e migliore per le persone.
  • Favorisce la sostenibilità ambientale, economia circolare e innovazione.
  • Riducono i consumi energetici.

Questi dispositivi sono in grado di armonizzare il campo magnetico terrestre presente nell’ambiente; questo determina una forte riduzione degli effetti negativi dovuti alle geopatie, ad esempio le radiazioni magnetiche naturali (acque sotterranee, reti di Hartmann e Curry, ecc) ed elettromagnetiche (elettrosmog) prodotte dall’uomo (apparecchi domestici, reti elettriche, computer, cellulari, cordless, ecc.). Di conseguenza il sistema immunitario si rafforza.
In agricoltura questi dispositivi, oltre a tutti gli effetti già descritti, diminuiscono le interferenze elettromagnetiche antropiche sui processi biologici delle piante, rendendo l’acqua biodisponibile da parte dei vegetali, stabilizzandone l’omeostasi, implementando l’efficienza metabolica dei vegetali coltivati e la loro crescita, aumentando la loro resistenza antiparassitaria e anticrittogamica.
Frutta e vegetali prodotti hanno dunque risultati straordinari, con un netto miglioramento da un punto di vista fisico, chimico e organolettico. E la loro durata post-raccolta aumenta notevolmente.

Cos’è il calcare e quali problemi genera?

L’acqua piovana, a contatto con le rocce calcaree delle falde di raccolta sotterranea, si arricchisce di bicarbonati di calcio e di magnesio. Quando poi trova un agente perturbante (ad esempio la girante di una pompa, campi elettromagnetici, sbalzi di temperatura, stagnazione o tubazioni che creano vortici) i bicarbonati contenuti si dissociano, producendo Carbonato di Calcio, Anidride Carbonica e Acqua, secondo la formula:

Ca(HCO3)2 ⟶ CaCO3 + CO2 + H2O

Il Carbonato di Calcio si può presentare in natura in due forme cristalline con identica struttura chimica ma diversa struttura fisica:
– la calcite che è un cristallo di forma romboedrica con un alto potere di aggregazione e di compattezza;
– l’aragonite che è un cristallo con forma aghiforme con basso potere di aggregazione e di compattezza.
Nelle tubazioni il calcare si presenta sotto forma di calcite formando depositi tenaci.
L’accumulo di calcare costringe a consumare più energia per il riscaldamento e la circolazione dell’acqua. Si calcola che un elettrodomestico aggredito dal calcare consumi fino al 60% di energia in più e subisce un invecchiamento precoce con un aumento dei costi di manutenzione.
Tutti i settori industriali utilizzano acqua in processi di produzione, riscaldamento o raffreddamento.
I depositi di calcare si formano all’interno dei tubi, nelle serpentine dei bollitori oppure nelle macchine di produzione per l’industria e possono produrre i seguenti svantaggi:

  • Maggior dispendio di energia per raggiungere il regime di riscaldamento;
  • Perdita di pressione a causa dei tubi incrostati;
  • Spese elevate di manutenzione e riparazione degli impianti;
  • Spese elevate di pulizia e uso di detergenti aggressivi;
  • Riduzione della produttività.

L’eccessiva concentrazione di calcare nell’acqua ostacola l’azione di saponi e detersivi, provocandone un eccessivo consumo.

Come vengono eliminati il calcare e le cariche batteriche?
La struttura degli ioni dei sali precipitati dipende dalle caratteristiche elettrodinamiche dell’acqua. Il dispositivo elimina il calcare perché induce la trasformazione del carbonato di calcio in aragonite anziché calcite. Mentre i cristalli di calcite (calcare) sono fortemente aggreganti e compatti, i cristalli di aragonite sono simili a filamenti debolmente aggreganti e aghiformi. Nel tempo anche il calcare già presente nella tubazione si stacca dalle pareti trasformandosi in aragonite, espulsa a sua volta dai terminali dell’impianto.

image next 13 - 14

Dopo un breve tempo dall’installazione del dispositivo l’acqua in uscita dai rubinetti, dalle docce, dagli impianti di irrigazione ecc., assume un colore biancastro a causa dell’aragonite disciolta. La stessa può anche depositarsi sotto forma di polvere che può essere tolta facilmente con una passata di straccio asciutto, senza l’uso di prodotti chimici. Se le tubazioni sono ferrose, l’acqua che esce potrebbe avere un colore rossastro dovuto all’eliminazione dell’ossido di ferro.
In poche settimane tutte le vecchie incrostazioni sono “dilavate” e rimosse dall’acqua; terminata la pulizia delle tubazioni l’acqua uscirà molto più chiara.
I filtri degli impianti idrici e di riscaldamento non s’intaseranno più. Le serpentine dei boiler riacquisteranno la loro sezione originale e finalmente si potrà ottenere nuovamente acqua calda in pochi minuti. Tutto questo comporta un risparmio di almeno l’8-10% sulle spese di riscaldamento e un 30% sui costi di produzione di acqua calda.
Gli impianti industriali che utilizzano l’acqua per il raffreddamento vedranno ripulirsi le torrette di raffreddamento nel giro di poche settimane.

La superficie specifica dell’acqua aumenta enormemente; il calcare resta in soluzione e non si deposita più in modo aggressivo nei boiler, nelle condutture dell’acqua, nei lavelli di cucina, nei sanitari, nelle lavatrici ecc..
L’acqua del rubinetto si comporta come un’acqua “dolce” riducendo così drasticamente, dal 30 al 70%, i consumi di detersivi in lavatrici e lavastoviglie e di saponi, shampoo e bagnoschiuma.
Se è presente un addolcitore può essere disattivato; si risparmiano così energia elettrica e sale, si eliminano i ripetuti lavaggi delle resine, fondamentali per evitare i rischi di proliferazione di batteri.

Come agisce il dispositivo sulle caratteristiche organolettiche dell’acqua?
Il dispositivo crea un ambiente in cui i campi elettromagnetici naturali vengono messi in fase con il campo elettromagnetico intrinseco all’acqua in movimento nelle tubazioni.
Questo spinge gli elettroni quasi liberi dell’acqua a effettuare un salto di orbitale (salto quantico), il che determina un aumento di 2-3 volte dell’energia delle molecole, quindi della massa d’acqua; l’acqua imputridisce più lentamente perché aumenta la sua resistenza ai batteri.
Per questo motivo nelle piscine si può ridurre il consumo di sostanze chimiche antibatteriche.
Contemporaneamente le molecole si avvicinano fra loro diminuendo così la tensione superficiale.
Negli esseri viventi la riaggregazione delle molecole d’acqua fa aumentare notevolmente la superficie interna dell’acqua e, di conseguenza, la capacità di trasportare maggior ossigeno, sostanze alimentari e sali minerali, migliorandone il metabolismo.
Con il dispositivo si può ottenere un’acqua più pura dalle caratteristiche organolettiche vicine a quella di fonte.
L’aumento dell’ossigenazione dell’acqua favorisce inoltre la diminuzione della carica batterica, agendo sui meccanismi di adesione dei batteri ed eliminando il biofilm dalle tubazioni.
Si ottengono ottimi risultati anche nell’abbattimento delle formazioni algali.
Il dispositivo agisce anche nel nostro ambiente?
Sì: il dispositivo agisce anche sull’acqua presente nell’aria, aumentando la cedibilità elettronica della frazione coerente dell’acqua sotto forma di vapore, producendo un salubre incremento della ionizzazione negativa. Di conseguenza l’aria viene rigenerata rapidamente rendendola piacevolmente fresca, riportando un giusto equilibrio tra ioni positivi e negativi. I cattivi odori negli ambienti dove si è fumato o cucinato scompaiono velocemente e l’aria diventa fresca inodore e non stantia.
Oltre a migliorare la qualità dell’acqua, si può ottenere anche il miglioramento della qualità dell’aria e dell’ambiente, il tutto attraverso la ionizzazione negativa e l’armonizzazione di tutte le radiazioni magnetiche ed elettromagnetiche.
Qual è la differenza fra gli addolcitori a scambio ionico e i dispositivi AQUA?
Addolcitori: questi apparecchi sono gli impianti più diffusi negli ambiti domestici e professionali. Tali sistemi si compongono di un contenitore per le resine, uno per il sale – che serve a rigenerare le resine – e una centralina elettronica, la quale avvia (con una frequenza che in genere non supera i 4 giorni) il processo di rigenerazione delle resine, altrimenti soggette a proliferazione batterica.
L’addolcitore riduce la durezza dell’acqua attraverso lo scambio ionico. Gli ioni di calcio (Ca) e magnesio (Mg) vengono infatti trattenuti nelle resine e sostituiti dal rilascio in acqua di ioni di sodio (Na) contenuto nel sale.
Quando gli ioni di sodio si esauriscono, le resine devono essere rigenerate con il sale.
L’addolcitore non toglie tutto il calcare perché l’acqua diventerebbe aggressiva per gli impianti e per le persone. Questo vuol dire che le incrostazioni di calcare si formeranno lo stesso, anche se più lentamente; le incrostazioni già presenti non vengono rimosse ma solo ridotte.
In aggiunta:

  • deve essere disinfettato regolarmente per evitare lo sviluppo di flora batterica;
  • nel caso di acque molto dure da trattare il contenuto di sodio immesso nell’acqua raggiunge valori importanti e dannosi per la salute;
  • l’acqua trattata, ricca di carbonato di sodio, portata a temperature superiori agli 85°C, diventa aggressiva e può provocare la cosiddetta “fragilità caustica” con rotture improvvise di tubazioni, caldaie, radiatori, ecc.;
  • le acque di scarico provenienti dalla rigenerazione delle resine sono acide a elevata concentrazione di cloruri, altamente corrosive e inquinanti;
  • in ambito industriale, commerciale, dell’hospitality e del wellness i volumi d’acqua da trattare sono molto più elevati che nelle applicazioni civili; di conseguenza vi è un grande consumo di acqua e sali necessari per la rigenerazione delle resine.

L’acqua prodotta dagli addolcitori è un’acqua “dolce” ma povera di sali, come il calcio e il magnesio – i principali artefici della ‘durezza’ di un’acqua potabile – che hanno invece un ruolo cruciale nella dieta alimentare.
Oltre al rischio d’impoverimento minerale, le acque trattate con addolcitore a scambio ionico risultano arricchite di sodio, il cui eccesso è notoriamente nocivo all’apparato cardio-circolatorio.
Proprio per questi motivi le norme che fissano i parametri di potabilità stabiliscono delle soglie minime di durezza e delle soglie massime di concentrazione di sodio. Senza porre limiti viceversa alla presenza di sali minerali, in quanto oligoelementi fondamentali che l’organismo umano non produce, dei quali l’acqua rappresenta una delle più preziose fonti di assunzione quotidiana.
Un ulteriore problema causato dagli addolcitori a scambio ionico è l’impatto ambientale. I processi di trattamento restituiscono infatti un’acqua acida, a elevata concentrazione di cloruri, altamente corrosiva e inquinante.

Dispositivi AQUA: Quantum è una tecnologia sostenibile e non invasiva per il trattamento dell’acqua; si chiama così perché applica principi di meccanica quantistica per trasmettere informazioni all’acqua, senza esserne a contatto.
È necessario approfondire questi principi: prima di tutto parliamo della “fisica” dell’acqua.

La molecola d’acqua è composta da due atomi di Idrogeno (H2) e uno di Ossigeno (O). La formula nota è H2O. Gli atomi si attraggono perché gli elettroni dell’Idrogeno sono positivi e vengono attratti verso l’atomo di ossigeno che è più elettronegativo.
Gli atomi di Idrogeno e Ossigeno si dispongono a V, con l’atomo di Ossigeno al vertice e i due di Idrogeno sulle due punte.
L’acqua è nello stesso tempo un ricevitore e un emettitore di segnali elettromagnetici e quando viene agitata si impregna in modo singolare di sostanze in essa disciolte utilizzando la logica del dipolo elettrico e dei clusters magnetici per immagazzinare informazioni biofisiche.
Proprio per le sue caratteristiche di “cristallo liquido dipolare” e la sua capacità di aggregazione in clusters, le molecole dell’acqua hanno la capacità di memorizzare le informazioni delle sostanze (o dei luoghi o dei campi elettromagnetici/radiazioni cosmiche) con le quali entrano in contatto condividendo le energie con le quali entrano in risonanza.
La vibrazione degli atomi che costituiscono la molecola d’acqua è in grado di captare vibrazioni di altri elementi o fonti energetiche e memorizzarle.
La meccanica quantistica ha scoperto che le particelle subatomiche presentano una
duplice natura sia come particelle che come onde dotate di un movimento rotatorio che crea un campo elettromagnetico.
Quando l’elettrone, che ruota nella sua orbita attorno al nucleo, riceve un fotone, aumenta di energia e salta su un’orbita maggiore. Viceversa quando lo perde salta su un’orbita inferiore.
Questo salto, definito salto quantico, costituisce una delle basi dell’energia della materia.
Tutta la materia (sia organica che inorganica) è un insieme di onde che vibrano e che cambiano continuamente.
Se l’onda di frequenza è simile a un’altra e in fase (i picchi risultano in sincronia) l’energia raddoppia, se invece i picchi sono opposti le onde si annullano.
L’informazione è costituita da frequenze di diversa origine e l’acqua ha la proprietà di assorbire e trasmettere queste frequenze.
Il materiale in sospensione nell’acqua può essere rimosso con diversi metodi di filtraggio ma la struttura a cluster rimane viva e costituisce “la memoria dell’acqua”.
L’acqua che beviamo trasporta sostanze nutritive e penetra nelle nostre cellule, permettendo lo scambio e la costante ricostruzione del nostro organismo.

Come interagisce la tecnologia Quantum con l’acqua?
Tre sono gli elementi da tenere in considerazione per capire il funzionamento dei dispositivi AQUA che integrano la tecnologia Quantum: il dispositivo, il background elettromagnetico ambientale e l’acqua.
Alcuni materiali hanno la capacità di alloggiare (fare propri) modi di oscillazione coerenti su certi gradi di libertà. La tecnologia Quantum mette in fase i campi naturali presenti nel luogo d’installazione con i potenziali elettromagnetici dell’acqua. Quando questi campi entrano in fase fra loro, le molecole d’acqua, a essi sensibili, uniformano la loro oscillazione minimizzando l’energia intrinseca al loro stato.

Secondo alcune leggi della fisica quantistica le molecole dell’acqua, per interagire tra di loro e con l’ambiente circostante, non hanno bisogno del contatto fisico ma devono essere nello stesso campo elettromagnetico.
Quando le molecole dell’acqua e il campo elettromagnetico hanno la stessa frequenza e fase il
sistema raggiunge lo stato di minima energia e diventa “coerente”, dissipando entropia all’esterno.
Le zone dove le molecole dell’acqua oscillano in modo coerente si chiamano domini di coerenza e permettono all’acqua di assumere configurazioni (stati) che sono funzione delle interazioni con l’ambiente permettendo, in un certo senso, di fungere da “memoria termodinamica”.

Il dispositivo fa in modo che l’acqua raggiunga questo stato, modulando la fase dei campi
elettromagnetici ambientali entro il raggio d’azione in cui il liquido e tali campi interagiscono.
In pratica trasferisce informazioni all’acqua pur non essendo in contatto con essa e la riorganizza sotto un profilo oscillatorio. La cosa si traduce in proprietà chimico-fisiche nuove, come la trasformazione dei sali prodotti dalle precipitazioni degli ioni soluti nel liquido o l’aumento di potere solvente nei confronti del biofilm adeso alle superfici contenenti l’acqua degli impianti e altro ancora.

Concludendo il dispositivo crea un ambiente in cui i campi ambientali sono rifasati in
modo da riconfigurare la frazione coerente dell’acqua liquida così che le proprietà chimico-fisiche conseguenti siano di utilità per la resa degli impianti e dei metodi di disinfestazione microbiologica, oltre che per una migliore biodisponibilità dell’acqua da parte delle piante, animali e esseri umani.

Il risultato più evidente dopo l’installazione del dispositivo, in merito al problema delle
incrostazioni di calcare, è la trasformazione della calcite in aragonite e dunque la
riduzione delle ostruzioni tubiere ed il recupero delle rese termiche degli scambiatori. Oltre alla rimozione di una moltitudine di micrositi in cui le cariche batteriche trovano rifugio sicuro.

I dispositivi della linea AQUA non necessitano di alcuna manutenzione; sono garantiti 2 anni.
Un unico dispositivo che sostituisce apparecchi diversi: l’addolcitore, lo ionizzatore e il debatterizzatore.

Come si scelgono i dispositivi AQUA?

Esistono diversi dispositivi che dipendono:
– dalla planimetria (superficie) della “struttura” da coprire; i dispositivi, a seconda dei modelli, coprono da circa 300 a 31.400 m2 – (nelle versioni per l’agricoltura da 0,6 a 3,1 ettari);
– dal volume da coprire: si parla di raggio di copertura volumetrica; i dispositivi, a seconda dei modelli, coprono da circa 4.000 a 4.100.000 m3.
I dispositivi vanno collocati in posizioni ben precise, il più possibile baricentriche alle abitazioni, agli edifici o al terreno, definite in sede di progettazione.

Perché i dispositivi AQUA sono così innovativi?
L’innovazione principale è l’utilizzo di frequenze elettromagnetiche naturali terrestri per riorganizzare le molecole dell’acqua, senza alcuna alimentazione elettrica, al fine di:

  • eliminare definitivamente il calcare e, alcune volte, l’ossido di ferro presenti negli impianti idrici e di riscaldamento;
  • recuperare la piena efficienza degli impianti termoidraulici, anche con impianti in piena attività;
  • abbattere il biofilm e le cariche batteriche presenti negli impianti (ad esempio la legionella);
  • ridurre fortemente l’inquinamento legato ai trattamenti chimici dell’acqua;
  • ridurre drasticamente il consumo di detersivi, disincrostanti acidi, saponi e shampoo;
  • ottenere un’acqua più pura dalle caratteristiche organolettiche simili a quella di fonte;
  • aumentare drasticamente la ionizzazione negativa dell’aria, eliminando gli odori negli ambienti;
  • ridurre drasticamente i costi per la manutenzione degli impianti idraulici;
  • ottenere risparmi economici considerevoli rispetto ai sistemi tradizionali;
  • migliorare sensibilmente la crescita di frutta e vegetali, oltre alla loro resistenza antiparassitaria e anticrittogamica;
  • ridurre il consumo di acqua utilizzata, energia elettrica e combustibile per il riscaldamento;
  • non avere alcun costo di gestione;
  • non avere alcuna emissione elettromagnetica;
  • sostituire più apparecchi tradizionali con scopi diversi (un unico dispositivo per più utilizzi).

Ricapitolando vi garantiamo:

  • Eliminazione definitiva del calcare
  • Forte riduzione delle colonie batteriche
  • Risparmi economici considerevoli sui consumi di prodotti per la detergenza, su energia elettrica, combustibili per riscaldamento, sui tempi e i costi di manutenzione di impianti e attrezzature
  • Nessun fermo impianto
  • Nessuna manutenzione del dispositivo

Per un incontro conoscitivo, chiama il 0041 79 1790505 oppure compila la form.